Il GEOMETRA Stefano Cucchi


Su Stefano, lo chiamo così in modo quasi familiare, e sulla sua storia, da cinque anni a questa parte tutti, almeno una volta, hanno sentito il bisogno di dire la loro.

Trovo che alla sua storia non sia stata concessa dignità.

Non ce n’è nella verità camuffata, non ce n’è nei nomi colpevoli celati, nelle strette di mano che si saranno promesse copertura e fedeltà, neanche alla sua morte è stata concessa dignità, a quella morte che sarà giunta provvidenziale a strapparlo all’inferno di quei sette maledettissimi giorni in carcere.

Il suo corpo, il viso livido, la sua ultima espressione di dolore, per dovere di cronaca, per far sapere alla gente, per rivendicare giustizia, sono stati pubblicati in ogni dove, dalla carta stampata al web.

Non c’è dignità nel sentir parlare di questo giovane solo come del “tossicodipendente”.

Oggi per la prima volta, al radiogiornale di RDS ho sentito chiamare Stefano Cucchi, il GEOMETRA.

Non sapevo neanche lo fosse, ma al di la di questo, Stefano è diventato, attraverso la voce di quel giornalista, un ragazzo che aveva una vita, aveva recuperato la sua dimensione tridimensionale, aveva un posto nel mondo.

Mi sembra che questo sia un gesto che gli ha restituito la sua dignità, mentre la giustizia decreta che non ci sarà giustizia per lui, quasi a dire che non ci sia stata colpa.

Le mie parole contano poco, pochissimo, e non sarebbero adeguate come quelle asciutte e giuste che Gramellini ci ha regalato a Fuori Tempo Che Fa, leggendo il suo monologo (“>clicca qui), una lettera aperta al Capo della Polizia Alessandro Pansa.

Stefano voglio ricordarlo così.

Stefano Cucchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...